Da Nord a Sud , molti i cittadini che non rispettano le norme anti-contagionoticamaniacomunicationline

Nonostante le misure di restrizione, prolungate dal premier Conte fino al 13 aprile, e il pericolo del contagio da coronavirus, sono ancora numerosi i cittadini che violano la quarantena, mettendo in pericolo sé stessi e il resto della popolazione. Si va dal vicesindaco sorpreso a fare jogging a trenta chilometri da casa, al barbiere che svolgeva la propria attività. Solo ieri, le persone controllate dalle forze dell’ordine e, di queste, circa 9000 sono state sanzionate e 200 denunciate.

Macerata, il vicesindaco runner Giovanni Ciarlantini, il vicesindaco di Caldarola, un paesino del Maceratese, è stato sorpreso a fare footing per 30 km e multato dai carabinieri per 560 euro, si dimette. Nei giorni scorsi il primo cittadino Luca Giuseppetti aveva invitato i concittadini, anche in un duro videomessaggio su Fb, a rispettare le misure di limitazione agli spostamenti disposte dal governo nell’emergenza Covid-19. “Vedo troppa gente in giro – aveva detto -. C’è gente che va al supermercato anche due volte al giorno. Mi sono rotto le p… dovete stare a casa”. Mentre correva, Ciarlantini non aveva neanche disattivato una app che registra le corse con pubblicazione involontaria su Fb. A nulla è valso il tentativo di giustificarsi dicendo che, essendo allenatore di calcio, doveva mantenersi in forma. Dopo la multa, si è dimesso, dicendosi dispiaciuto e ha chiesto scusa alla cittadinanza.

Napoli, barbiere al lavoroI carabinieri hanno multato a Caivano (Napoli) un barbiere di 31 anni che svolgeva la propria attività. I militari hanno trovato nel locale tre persone, che sono state sanzionate insieme al titolare.

“Mamma ha il coronavirus”, ma è un trucco per saltare la filaAd Acerra, in provincia di Napoli, c’è chi addirittura ha sfruttato l’emergenza sanitaria per saltare la fila all’ufficio postale. Una donna di 57 anni è entrata nella sede delle Poste, ma non volendo aspettare il proprio turno, ha sostenuto ad alta voce di dover ritirare la pensione della madre allettata “perché malata di coronavirus”. L’affermazione ha scatenato il panico tra i presenti, che hanno cominciato ad uscire. Nella sede erano presenti anche due agenti della polizia municipale che, dopo i dovuti accertamenti, hanno scoperto che nessuno dei familiari della donna è contagiato, né in attesa di tampone. La donna e’ stata denunciata per procurato allarme.

 

 

 

 

 

 

fonte tgcom

Condividi su:
ComVideo i tuoi comunicati in diretta streaming

RecentPosts

Alessandro Esposito Relish

Evento Relish Alessandro Esposito

Alessandro Esposito Relish organizza l’evento dell’anno L’evento dell’anno un successo clamoroso targato RELISH (brand di moda femminile fondato nel 2008 dall’imprenditore partenopeo Alessandro Esposito), che ha presentato la sua collezione Primavera/Estate in una suggestiva location sul mare campano: Il Rama Beach Cafe.

Read More »

Partners